CFTC Files Default for Judgment Against Control Finance Founder

La United States Commodity Futures Trading Commission (CFTC) sembra andare avanti con la sua causa contro il presunto schema cripto Ponzi Control Finance senza il principale convenuto.

Secondo un rapporto della Finance Feeds, l’autorità di regolamentazione finanziaria ha presentato una richiesta di sentenza in contumacia alla Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto Sud di New York all’inizio di questa settimana. L’agenzia continua a cercare Benjamin Reynolds, il fondatore di Control Finance.

Operazione di frode da 147 milioni di dollari

Il caso della CFTC contro Reynolds è di lunga data, l’agenzia ha sollevato per la prima volta la questione della natura fraudolenta della società nel giugno 2019, sostenendo all’epoca che Reynolds e la società avevano sottratto non meno di 22.858 BTC (del valore di circa 147 milioni di dollari) a oltre 1.000 investitori dal maggio 2017.

In seguito a una denuncia formale, la CFTC ha sostenuto che Control Finance aveva cercato investitori per acquistare Bitcoin Evolution e depositare i beni presso di loro all’apice del boom del cripto. La società sosteneva che gli investitori avrebbero avuto profitti giornalieri sui depositi attraverso i loro trader registrati, mentre si limitavano a gestire uno schema Ponzi e a mandare l’impegno di un investitore ad un altro come profitti.

Poi, la società ha improvvisamente cancellato le sue pagine sui social media e nel settembre 2017 ha chiuso il suo sito web. Mentre sosteneva che avrebbe saldato i suoi debiti, la società non ha mai mantenuto l’impegno. Invece, Reynolds e diversi altri alti funzionari hanno usato il servizio di cripto-portafoglio CoinPayments per riciclare i loro fondi e sono andati a nascondersi.

Reynolds e Control Finance „hanno sfruttato l’entusiasmo pubblico per Bitcoin“ dal 1° maggio 2017 al 31 ottobre 2017″, secondo la SFTC. Così, l’agenzia ha chiesto la restituzione, la sboccatura e il divieto permanente di trading e di registrazione per entrambe le entità.

Con la reputazione rovinata di Control Finance, il CFTC ha iniziato a cercare qualsiasi funzionario della società. Tuttavia, Reynolds era sempre in cima alla sua lista, e il presunto criminale si era dato alla macchia. Nel luglio 2019, il regolatore avrebbe cercato di servire Reynolds a due dei suoi indirizzi noti. Ben presto, tuttavia, alcuni investitori della società hanno saputo da alcuni di loro che si era trasferito in Corea del Sud. Per quanto riguarda Control Finance, la CFTC ha presentato un avviso di licenziamento volontario contro la società.

I truffatori hanno fatto buio

Come riportato da Finance Feeds a gennaio, il CFC ha presentato una mozione al Tribunale del Distretto Sud di New York per prorogare il termine per il quale avrebbe potuto effettuare il servizio di processo nei suoi confronti. Poi, in aprile, l’autorità di regolamentazione ha presentato al tribunale una richiesta di decisione in contumacia sul caso, dopo che non era ancora riuscita a trovare Reynolds.

Come dimostra il nuovo deposito dell’agenzia, sta lavorando alla preparazione della sua mozione per la sentenza in contumacia contro il presunto truffatore. Previa approvazione del tribunale, la CFTC intende depositare la mozione prima del 20 agosto.

Reynolds sta ora entrando a far parte della schiera dei presunti truffatori criptati che sono ancora in libertà. Oltre a lui, le autorità di regolamentazione e le forze dell’ordine sono ancora a caccia di Ruja Ignatova, la donna d’affari bulgara che è stata la mente dietro la famigerata truffa da 4 miliardi di dollari di OneCoin.

Le autorità sudafricane sono anche alla ricerca di Willie Breedt, il fondatore di VaultAge Solutions. Inizialmente commercializzata come investimento, la società deve ora circa 17 milioni di dollari di fondi agli investitori, mentre il suo fondatore non è in vista da nessuna parte.